La resurrezione del Remdesivir

La resurrezione del Remdesivir

Il passaggio dall’essere un farmaco rottamato a una delle più accreditate speranze mondiali per la cura del Covid19

Sul New York Times è uscito un articolo di Gina Kolata, dove la scrittrice espone una esauriente e semplice digressione sul farmaco che in quest’ultimo periodo è saltato al centro dell’attenzione, fino a coinvolgere il mercato speculativo delle principali borse mondiali.

Gina Kolata scrive di scienza e medicina. È stata due volte finalista del Premio Pulitzer ed è autrice di sei libri, tra cui “Mercies in Disguise: A Story of Hope, Destino genetico di una famiglia e La scienza che li ha salvati”.

Il farmaco era stato messo nel mucchio dei rottami farmaceutici, quasi dimenticato dagli scienziati che lo avevano allora patrocinato nei loro studi. Progettato per trattare sia l’epatite che un comune virus respiratorio, sembrava destinato a unirsi a migliaia di altri farmaci falliti dopo essersi dimostrato inutile contro tali malattie. Parliamo ovviamente, ancora una volta, del farmaco antivirale Remdesivir .

Proprio ieri (01/05/2020), la Food and Drug Administration ha rilasciato un’approvazione di emergenza per il Remdesivir come trattamento per i pazienti gravemente malati di Covid-19. La storia del salvataggio e della trasformazione di remdesivir testimonia il potente ruolo svolto dai finanziamenti federali, che ha permesso agli scienziati che ci lavorano a fari spenti di proseguire la ricerca di base senza evidenti benefici finanziari. Questa ricerca dipende quasi interamente da contributi pubblici.

Il dott. Mark Denison della Vanderbilt University è uno dei pochi ricercatori che hanno scoperto il potenziale di Remdesivir. Ha iniziato a studiare i coronavirus un quarto di secolo fa, un periodo in cui pochi scienziati si prendevano cura di loro – quelli che infettavano gli esseri umani causavano raffreddori, ha ricordato, e gli scienziati volevano solo sapere come funzionavano.

Eravamo interessati dal punto di vista biologico“, ha ricordato il dott. Denison. “Nessuno era interessato da una prospettiva terapeutica.

Né lui né le decine di altri scienziati interessati ai coronavirus hanno mai previsto che uno nuovo avrebbe scatenato una pestilenza che ha ucciso quasi un quarto di milione di persone in tutto il mondo. Da quando uno studio federale ha dimostrato modesti miglioramenti nei pazienti gravemente malati, il F.D.A. si è dunque precipitato ad approvare il Remdesivir in base alle disposizioni sull’uso di emergenza.

Lo studio, sponsorizzato dall’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive, ha coinvolto più di 1.000 pazienti ricoverati e ha scoperto che quelli che ricevevano remdesivir si sono ripresi più velocemente di quelli che hanno ricevuto un placebo: in 11 giorni, contro 15 giorni. Ma il farmaco non ha ridotto significativamente i tassi di mortalità.

Il dott. Anthony S. Fauci, direttore dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive, ha affermato che i risultati sono stati “una prova molto importante del concetto” ma non un “knockout”. Il presidente Trump ha salutato la droga venerdì come “un trattamento importante” e “davvero promettente“.

Remdesivir è approvato solo per pazienti gravemente malati e solo temporaneamente; l’approvazione formale deve arrivare più tardi. Tuttavia, alcuni medici che lavorano in unità di terapia intensiva hanno abbracciato il farmaco come un’importante nuova arma contro un virus che sta uccidendo i pazienti in tutto il mondo.

È un ottimo primo passo“, ha dichiarato il dott. Robert Finberg, presidente del dipartimento di medicina della University of Massachusetts Medical School.

Le speranze riposte sul remdesivir, prodotto da Gilead Sciences, erano ben poche nel suo passato. Ma è doveroso ricostruire la sua storia per poter comprendere un po’ meglio come è arrivato ad essere oggi così importante per la cura del Coronavirus.

I coronavirus contengono molto più RNA di quanto gli scienziati una volta avevano teorizzato che un virus avrebbe potuto. Molti virus che causano epidemie si basano su questo tipo di materiale genetico e quasi tutti mutano costantemente. Ecco perché i virus dell’influenza cambiano di anno in anno.

Eppure i coronavirus non sono cambiati molto: il loro tasso di mutazione è circa il ventesimo rispetto agli altri virus RNA.

Nel 2007, il Dr. Denison ha scoperto che i coronavirus hanno un potente sistema di “correzione di bozze”. Se si verifica un errore nella copia dell’RNA durante la replica del coronavirus, corregge l’errore. In esperimenti di laboratorio, i coronavirus mutati erano più deboli, superati da quelli senza mutazioni.

Il dottor Denison e altri esperti si sono chiesti se fosse possibile ingannare il virus con un farmaco che schivava il sistema di correzione e bloccava la crescente catena di RNA del virus, facendolo terminare prematuramente.

Ciò includeva non solo i coronavirus che causano il raffreddore comune, ma anche la SARS e la MERS, persino un coronavirus che infetta solo i topi.

Ma il farmaco ha fallito una serie di test nella vita reale – non solo contro l’epatite ma anche contro l’Ebola in Africa. Il farmaco languiva, non approvato per qualsiasi uso – fino a quando non emerse un nuovo coronavirus.

Parlando di questo problema con un altro scienziato nel corso di una riunione, il Dr. Denison ha appreso che Gilead Sciences aveva dozzine di farmaci che avrebbero potuto fare il trucco. “Tutti questi composti erano stati accantonati per una ragione o per l’altra“, ha detto il dottor Denison.

Il dottor Denison, così come altri ricercatori, li ha quindi sottoposti agli studi di laboratorio e nello specifico effettuando i test per arrestare i coronavirus. Si è scoperto che uno dei migliori era GS-5734, ora noto come remdesivir. “Mi piace chiamarlo Terminator“, ha detto il Dr. Denison.

Il dottor Denison ha scoperto che il Remdesivir era proprio quello che stavano cercando: un farmaco che sfuggiva al potente sistema del virus per proteggere l’RNA, il loro materiale genetico. Remdesivir ha fatto terminare prematuramente le catene in crescita dell’RNA virale, uccidendo il virus.

Remdesivir ha ucciso tutti i coronavirus noti nei test del Dr. Denison. Quindi i ricercatori dell’Università della Carolina del Nord hanno scoperto che il farmaco ha anche ucciso i virus negli animali infetti.

Mentre SARS-CoV-2, il virus che causa Covid-19, iniziava a diventare una pandemia, molti scienziati hanno capito che Remdesivir potrebbe essere la migliore soluzione a portata di mano. Aveva già subito test sugli animali e test di sicurezza sull’uomo.

Quindi i medici hanno iniziato a somministrarlo ai pazienti in studi senza controlli e persino del tutto al di fuori degli studi. Gli aneddoti hanno alimentato la domanda. Gilead ha sponsorizzato alcuni di questi studi e ha somministrato il farmaco ai medici che hanno trattato centinaia di pazienti sotto uso compassionevole, un’esenzione legale che consente l’uso di un farmaco non approvato per il trattamento dei pazienti.

Ma nulla di tutto ciò potrebbe dimostrare che un farmaco è stato utile per i pazienti. Ci è voluto il processo federale, in cui a molti pazienti è stato somministrato un placebo, per dimostrare che remdesivir sembra avere un effetto modesto.

Anche un modesto effetto del farmaco nei pazienti ospedalizzati è stata una sorpresa, ha affermato il Dr. Arnold Monto, un epidemiologo dell’Università del Michigan. C’era da aspettarselo che pazienti come quelli del processo federale non avrebbero risposto.

Erano gravemente malati e tali pazienti spesso soffrono non di infezioni virali ma di reazioni eccessive del sistema immunitario. (Ecco perché Tamiflu non funziona bene nei pazienti con influenza grave, ha aggiunto.)

Grazie a Dio, abbiamo qualcosa che funziona“, ha detto il dottor Monto.

Non tutti sono convinti che i Remdesivir saranno all’altezza della sua promessa. Uno studio in Cina, pubblicato questa settimana a Lancet, ha trovato il farmaco offerto alcun beneficio ai pazienti gravemente malati. E molti esperti vogliono vedere i dati dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases studio; finora, ci sono stati solo annunci sui risultati da parte dei funzionari dell’amministrazione.

Nonostante queste incognite, Gilead ha aumentato la produzione e attualmente ha 1,5 milioni di fiale a portata di mano, sufficienti per circa 150.000 pazienti. Questi saranno forniti ai pazienti a costo zero, ha detto Daniel O’Day, amministratore delegato della società.

Gilead ha scoperto questo medicinale e ha sviluppato questo medicinale“, ha detto O’Day.Siamo stati coinvolti fino in fondo“.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...